Pubblicato in: varie

Nozze d’oro

Mi trovo a Milano, per un convegno. Se alzo poco lo sguardo dalla finestra si vede un cielo azzurro, limpido e chiaro.

Chissá com’era il tempo, quel 15 febbraio di cinquant’anni fa. Pioveva? Faceva freddo?

Le foto le avremo riviste mille volte, da piccoli, sul divano di casa, con mio padre che raccontava i dettagli della giornata, indicava i vari parenti nella versione giovane e in bianco e nero, e chiedeva mille volte a mia madre, ricordi Roberta…

Un giorno, eravamo ancora piccoli, le abbiamo anche fatto rimettere il vestito da sposa a mia madre, per vedere come le stava. Il loro matrimonio era un evento fondamentale del nostro comune passato, una data costitutiva della nostra famiglia dal sapore mitologico.

Mio padre Aveva iniziato alcuni anni fa a parlare del loro cinquantesimo anniversario, immaginando una bella festa, nipoti, amici di ieri e di oggi, che sono il gusto di una vita vissuta bene, brindisi, canti, foto piene di sorrisi. Invece Oggi, che la data attesa è arrivata, festeggerà con noi, ma in una modalità misteriosamente diversa.

Io sono qui, a fare altro.

Guardo il cielo limpido. Non ci sono nuvole ad offuscarlo, c’è uno strano e inusuale tepore nell’aria, che rende questa giornata ancora più strana.

Se cinquant’anni fa quei due ragazzi che sorridono dalle foto in bianco e nero, mentre sembrano spiccare il volo, non si fossero incontrati per caso, o per destino direbbe il mio amico poeta, adesso non sarei qui a godere di questa bellezza, a sentire pungere nel cuore la mancanza di mio padre, e non ci sarebbero neanche i miei figli, non ci sarebbe stata la mia vita, ecco.

Certo lassù qualcuno poteva fare in modo di lasciare mio padre ancora per un poco, farlo arrivare a queste nozze d’oro. Ma sono sicuro che adesso sta sorridendo, come faceva tutte le volte che annuiva a qualcosa che gli veniva detto, e brinda con noi, con quella ragazza amata, fino al suo ultimo respiro, con i suoi figli e i suoi tanti nipoti.

Auguri papà, l’amore che ti ha legato a mamma, dopo cinquant’anni, si mostra adesso ancora più vincente, bello, determinante. Il vero successo della vostra vita.